Radda in Chianti

Radda in Chianti - la storia

Territorio di Radda in Chianti

╚ posto sulle colline che occupano il tratto iniziale delle valli della Pesa e dell' Arbia, per una estensione di 80,56 chilometri quadrati; tocca la massima altitudine del Monte Querciabella (Monti del Chianti) con 854 metri ed il Capoluogo si trova alla quota di 533 metri. ╚ interamente compreso entro i limiti del Chianti Classico. Confina con i comuni di Cavriglia, Gaiole in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Castellina in Chianti, Greve in Chianti.

La Storia

Posto al centro del Chianti il teritorio raddese, pur denunciando la sua antichitÓ insediativa con toponimi di origine etrusca (si veda Garbina, Modane, Spanda, Vecine, Vercenni, etc.), e latina (Bracciano, Caperano, Livernano, Lusignano, Pornano, etc.), solo di recente ne ha avuto consistenti testimonianze archeologiche, con gli scavi presso il Poggio la Croce e la Malpensata, dove sono stati riportati in luce importanti reperti etruschi.

Il Medioevo ci presenta nella zona numerosi castelli controllati da potenti famiglie feudali, come i Conti Guidi, o i signori locali, come i nobili di Monterinaldi, ma che ben presto cadranno sotto il controllo di Firenze.

Le prime notizie della corte e del castello di Radda risalgono all'inizio dell'XI secolo, quando erano possedimento della Badia fiorentina.

Palazzo del PodestÓ of Radda in Chianti

Palazzo del PodestÓ a Radda in Chianti

Quando la Repibblica di Firenze, a partire dalla metÓ del XIII secolo, organizz˛ i "popoli" del suo contradoin "leghe", il territorio del Chianti and˛ a formarne una delle maggiori - tanto da essere diviso in "terzieri" -, documentata tra le prime all 'inizio del Trecento, capoluogo di un terziere e poi dall' intera lega fu il castello di radda - che ormai aveva assunto il carattere e le dimensioni di una "terra mutata", come dimostra il quattrocentesco Palazzo Pretorio o Palazzo del PodestÓ, ancora ornato nella facciata dagli stemmi dei podestÓ che vi si succedettero. Dei castelli del territorio raddese soltanto Volpaia ebbe un certo sviluppo, con un ampio giro di mura con torri e un cassero ancora in gran parte conservato, mentre altri castelli sono giunti a noi molto frammentati, come albola e Monterinaldi, oppure trasformati in ville, come Castelvecchi, o in case coloniche, come Castiglione, il Trebbio e Paterno. Altre dimore rurali conservano le strutture a torre delle "case da signore" medievali: Ŕ il caso di Borraccoli, Camporempoli, Casa Vecchia, Montevertine, il Palazzo Pornano, le Ripe e il Fornale, Selvole, invece, sembra aver avuto sempre i caratteri del villaggio rurale non fortificato. Fra gli edifici signorili Ŕ infine da ricordare la stupenda casa padronale "Le Marangole", sita poco lontano dal nucleo del paese.

Santa Maria Novella Radda in Chianti

Santa Maria Novella

Anche le testimonianze dell' antica organizzazione religiosa sono interessanti e significative, a partire dalla pieve di Santa Maria Novella che, per quanto molto rifatta nel secolo scorso, mantiene l' impianto originale, come dimostrano i ricchi capitelli romanici e conserva numerose opere d' aete. Pi¨ o meno consistenti resti romanici mostrano varie chiese, come quella di Albola, Bugialla, Livernano, Montemaione e della stessa radda, ma soprattutto le "canoniche" di San Fedele a Paterno e di Santa Maria in Colle (la Badiola), quest' ultima oggi ad una sola navata ma con archeggiature del primitivo impianto basilicale; resti della abbazia camaldolese di Montemuro (oggi la Badiaccia) rimangono incorporati in edifici dell'attuale villaggio. Mentre sempre da un nucleo romanico si Ŕ sviluppato nei secoli successivi il bellissimo convento di Santa Maria in Prato dove all' interno ancora oggi possiamo ammirare la famosa "Madonna con Bambino" di Neri di Bicci (1474).

Santa_maria_del_prato_radda.jpg (75272 bytes)

Santa Maria in Prato

Alloggi in Chianti - Camere Bed and Breakfast, Agriturismi, Ville, Case coloniche con piscina - ulteriori informazioni.

Greve in Chianti

Indietro a Radda in Chianti

Database development and content management by ammonet

Copyright ę ammonet InfoTech 2000 - 2017. All rights reserved.